Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Una nuova molecola per riacquistare la memoria

La memoria rappresenta sul piano storico, ma soprattutto su quello individuale, il filo della continuità, quella linea che ci consente di definire noi stessi sotto il profilo identitario, ma anche, e forse soprattutto, il fondamento, la base sicura sulla quale è possibile costruire una crescita. Si tratta di una funzione delicata e labile: tra le prime a risultare compromesse in qualsiasi situazione in qualche misura lesiva della integrità delle nostre strutture cognitive. La compromissione della memoria compare, nel decadimento mentale, ma anche nei disturbi depressivi e nelle situazioni di stress e sovraccarico: tutte le nostre performance, le nostre capacità progettuali ed organizzative ne possono risultare compromesse. Senza memoria, lo sbocco più ovvio infatti, è la confusione. L'invecchiamento della popolazione ed i problemi correlati al decadimento mentale senile, nonché il diffondersi dei disturbi di tipo depressivo, hanno reso prioritario lo studio della memoria e la rice…

Ultimi post

Disorientamento di istanti (Poesia della buona notte)

Esorcizziamo pure, purché si sappia cosa

15 Febbraio: XVIII giornata mondiale contro il cancro infantile

La storia di Mago nanetto

Oggi anche satana può buttarsi in politica

OMS: necessari milioni di dollari per l'assistenza sanitaria in Libia

Addio a Google +

Fiori, colori e pensieri

Lo stupro e le donne randagie

Il viaggio. Saluto dedicato ai martiri di Genova.